Le 5 Leggi Biologiche: la Quarta legge

Le 5 Leggi Biologiche: la Quarta legge

- in Medicina Complementare
206
0

Questa settimana abbiamo approfondito Le 5 Leggi Biologiche, dopo aver descritto le prime tre (prima legge), (seconda legge), (terza legge) oggi illustriamo la quarta legge biologica.

Questa quarta e penultima legge biologica, affermata dal dott. Hamer, è detta “Il sistema ontogenetico dei microbi” che diventano operai specializzati agli ordini del cervello. Contrariamente a quanto fino ad ora creduto i microbi sono degli ottimi amici del sistema corpo. Essi infatti si occupano di riparare i danni durante la fase vagotonica, cioè quella preposta alla riparazione delle patologie, ed il cervello invia ordini a seconda del tipo di riparazione da esercitare ai nostri amici virus, funghi o batteri.

I microbi sono presenti nell’uomo fin dalla nascita, il loro numero è di gran lunga maggiore a quello delle cellule, supera i cento mila miliardi! La Quarta Legge Biologica spiega come essi lavorino a nostro vantaggio nella fase vagotonica, la seconda fase legata alla guarigione, perché si attivano per riparare, dopo la risoluzione del conflitto, quello che si era degenerato durante il conflitto stesso per poi ritornare inattivi. Sono esseri microscopici che lavorano per farci tornare in salute, distruggendoli si rischia di ritardare il processo naturale di guarigione attivato dal nostro cervello.

Ogni microbo si attiva, prolifera o si ritira in perfetta sincronia con cervello e corpo a seconda del tipo di patologia, dell’organo coinvolto e dell’azione che deve svolgere: eliminare o ricostruire.

Il 19 Maggio il poliambulatorio Rebellato Fisiomedical Center organizza un evento gratuito e aperto a tutti sulle 5 Leggi Biologiche, è un’occasione per avere un’informazione chiara sull’argomento e una dimostrazione di come le 5 Leggi Biologiche possano aiutare, con la loro analisi, a delineare le cure in campo medico specifiche per ogni paziente.

Pubbliredazionale

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

You may also like

Mangiare con i 5 sensi

Intervista esclusiva alla dottoressa Sabine Eck Alcuni dei