Peli incarniti: i rimedi

Peli incarniti: i rimedi

- in Salute e Benessere
61
0

I peli incarniti crescono sottopelle e sono particolarmente fastidiosi e dolorosi. Parliamo di un disturbo comune, particolarmente frequenti nelle donne che utilizzano metodi depilatori come ceretta, crema o rasoio e negli uomini che si radono la barba.

In presenza di questo inestetismo la pelle si arrossa, tende ad irritarsi e talvolta può comparire anche un’infiammazione.

Peli incarniti: cosa sono e come si manifestano

I peli incarniti sono peli che non riescono a svilupparsi verso l’esterno, ma crescono perlopiù all’indietro o lateralmente sottopelle. Questa anomalia può causare arrossamento cutaneo e dolore principalmente nelle aree cutanee sottoposte a maggior sfregamento, come ad esempio l’inguine.

Tra i principali sintomi figurano prurito, bruciore e spesso dolore, ma nei casi più importanti possono comparire anche papule, pustole, cisti, brufoli e foruncoli.
Una possibile complicanza, invece, è data dalla follicolite, ovvero un’infezione dei follicoli piliferi.

Cause e trattamenti

Questo disturbo si verifica quando si utilizzano metodi depilatori particolarmente aggressivi che tendono ad irritare la pelle, creando micro lesioni che possono infettarsi.

Tuttavia, i peli incarniti possono essere anche una conseguenza di un’eccessiva pressione esercitata sulla pelle o sono peli che non riescono a fuoriuscire sullo strato superficiale dell’epidermide a causa di un’ostruzione.

Il metodo più semplice per rimuovere un pelo incarnito è quello di estrarlo utilizzando una pinzetta disinfettata. Tuttavia, in molti casi può essere utile anche fare abitualmente uno scrub così da eliminare dalla cute anche cellule morte ed impurità, così come utilizzare un  guanto di crine.

 

You may also like

Prebiotici e probiotici: cosa sono

Probiotici, prebiotici e simbiotici sono elementi essenziali per