Birra: tanti benefici in un’ottima bevanda

Birra: tanti benefici in un’ottima bevanda

- in Alimentazione
477
0

Recenti ricerche dimostrano che la birra ha numerosi effetti benefici per la nostra salute. Va precisato che va assunta con moderazione, le quantità giornaliere consigliate sono una birra da 33 cl per le donne e due per gli uomini. E’ importante ricordare che un consumo eccessivo di alcol può essere dannoso per il fegato e provocare alcuni tipi di cancro e problemi cardiaci.

Ma vediamo quali sono gli effetti positivi sulla nostra salute:

1. Mantiene attivo l’apparato cardiocircolatorio riducendo il rischio di infarto e dell’ipertensione arteriosa. Innalza i livelli di HDL, il cosiddetto “colesterolo buono” che aiuta ad evitare che le arterie si ostruiscano.

2. Fonte di vitamina B, in particolare vitamina B6, B9 e B12 che proteggono l’organismo dalle malattie cardiovascolari. Contiene inoltre acido folico.

3. Reni più sani poichè riduce il rischio di soffrire di calcoli renali del 40%

4. Un aiuto in menopausa in quanto produce un innalzamento dei livelli degli estrogeni.

5. Un ottimo antiossidante, il luppolo contiene diversi tipi di flavonoidi che aiutano a combattere i radicali liberi e i danni provocati dall’invecchiamento cellulare.

6. Prevenzione contro i tumori in quanto il luppolo contiene xantumolo, una sostanza utile ad ostacolare la proliferazione di alcune cellule tumorali.

7. Minore rischio di diabete, l’alcol assunto con moderazione aumenta la sensibilità dell’insulina.

8. Un ottimo rimedio contro l’insonnia, la birra contiene acido nicotinico e la lattoflavina entrambi noti per favorire il sonno.

9. Una pelle luminosa, la birra contiene vitamine che aiutano a rigenerare la pelle e hanno un ruolo positivo sui pigmenti.

10. Un aiuto alla digestione, soprattutto le birre scure contengono fino ad un grammo di fibre solubili in un bicchiere da 30 cl, aiutano quindi a combattere disturbi gastrici e intestinali.

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

You may also like

Mangiare con i 5 sensi

Intervista esclusiva alla dottoressa Sabine Eck Alcuni dei