Finger lime: il frutto australiano chiamato anche “caviale” vegetale

Finger lime: il frutto australiano chiamato anche “caviale” vegetale

Il finger lime è un frutto ancora poco conosciuto nel nostro paese, le cui origini sono australiane. Il nome scientifico è Microcitrus australasica e sta diventando parte integrante della cucina dei migliori chef.

La pianta che produce questo particolare frutto è un albero che può raggiungere anche i 6 metri di altezza, anche se generalmente resta fra i 4 o 5 metri e si presenta in modo piuttosto cespuglioso.

Si presenta con una buccia leggera e sottile che può avere colori diversi verde, rosso o marrone, la forma è cilindrica.

All’ interno si trova una polpa composta da tante piccole “sfere” traslucide che sembrano come le uova di pesce, da qui chiamato “caviale” vegetale. La polpa interna ha colori diversa a seconda del grado di maturazione e della tipologia di frutto: rosso, verde accesso o anche nero a seconda della varietà.

Il suo gusto è di un agrumato intenso e rinfrescante per questo ottimo consumato in estate, oltre ad essere ricco di proprietà benefiche.

Varietà del finger lime

Le varietà di finger lime sono diverse a seconda del colore e presentano dunque anche possibilità di uso culinario differenti.

Le varietà sono:

Colette: questa varietà di finger lime è stata valutata dagli chef come superiore, si presenta con la pelle nera e lucida e con un interno di un bel verde, il sapore è molto aromatico e si presenta a guarnizione di piatti

Tasty: si presenta lungo e verde, molto simile ad un cetriolo, l’interno è di colore chiaro e dal succo meno acido rispetto ad altre varietà, ottimo per essere utilizzato nelle preparazioni di gustose insalate.

Ricks red: dal nome si deduce che la buccia è di colore rosso, tendente al marrone, con un interno rosso vivo, molto simile alle uova del caviale rosso. Si presenta per accompagnare piatti a base di pesce

Yellow: qui ci troviamo davanti a una varietà con pelle e interno di un bel colore giallo, le perle interne sono grosso e ricche di succo piuttosto acido. Questa varietà di finger lime si presta ad alla realizzazione di marmellate, confetture e bevande dissetanti, da consumare fresche.

A seconda dunque della varietà che andrete ad acquistare potrete realizzare degli ottimi piatti in cucina, utilizzando la fantasia e provando con le vostre mani, tenendo presente le caratteristiche di ogni varietà.

A voi l’uso della fantasia per realizzare gustose ricette col finger lime, ricordate anche che le foglie della pianta sono leggermente piccanti e pungenti per questo adatte ad aromatizzare carne e pesce.

Proprietà benefiche del finger lime

Il finger lime contiene 20 calorie ogni 100 grammi e:

  • 92 % di acqua,
  • 7 % di carboidrati,
  • 1 % di zuccheri
  • 2 % di fibra alimentare,

è dunque un prodotto che può essere consumato anche durante le diete dimagranti.

Questo frutto è conosciuto da millenni dagli aborigeni della foresta pluviale australiana, che lo hanno impiegato nella loro medicina per secoli oltre a consumarlo come fonte importante di cibo.

Le proprietà che gli sono attribuite da secoli sono quelle di aiutare in caso di nausea, di rinforzare le difese immunitarie grazia al contenuto di polifenoli, Sali minerali e vitamine contenute.

Uno studio condotto dall’Università della California ha anche dimostrate come l’uso del frutto migliora l’aspetto cutaneo grazie alla presenza di acido citrico, malico e gallico. Gli effetti sulla pelle si possono vedere ottenendo un impasto con le perle del frutto e applicandolo sulla pelle per alcuni minuti, le donerà tonicità e vigore, rendendo la pelle più giovane. Questo impasto è ottimo anche per trattare l’acne e i danni da esposizione solare.

Ricco in vitamina B6, importante per il nostro organismo ma anche per favorire il buon umore. Inoltre è ricco di Sali minerali fra cui ferro, sodio, potassio e calcio, la buccia è ricca invece di antiossidanti e Omega 3.

Favorisce anche la digestione, oltre ad essere diuretico e ad avere proprietà antisettiche e antivirali e a combattere il colesterolo cattivo.

Il finger lime contiene anche acido folico, importante in gravidanza per combattere i problemi legati allo sviluppo del tubo neurale del nascituro.

Inoltre studi recenti e ancora in corso su questo frutto sembrerebbero affermare che il suo consumo possa ridurre del 50% il rischio di tumori.

Curiosità

I costi di importazione di questo frutto dall’Australia nel 2017 raggiungevano i 200 € al kg, per questo si è creato in Italia, per la precisione in Sicilia a Favara in provincia di Agrigento, un ambiente subtropicale, all’interno di serre, per cercare di riprodurre il frutto nel nostro territorio e abbattere così i costi per poter far usufruire di questo prodotto tutti noi.

Tenete anche presente che questi frutti una volta staccati dalla pianta non maturano da soli, quindi se andate ad acquistarli badate bene che siano maturi.

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

You may also like

Alimentazione vegetariana per prevenire le malattie

In Italia il 6% della popolazione è vegetariano,