Sport e performance

Sport e performance

- in Salute e Benessere
1489
0
Core challenge. Horizontal shot of a young sporty female working out her abs doing crunches at the gym.

Migliorare prestazione e recupero con nuovi metodi e tecnologie

Mi chiamo Francesco Lo Re, sono un preparatore atletico con una base formativa in chinesiologia e osteopatia.
Seguo diverse squadre e atleti e ho sviluppato nel tempo degli accorgimenti che nelle prime fasi della mia carriera non sembravano così importanti. Nello sport di alto livello la differenza tra il primo e secondo classificato si gioca su pochi centesimi di secondo, per questo ho capito che nessun dettaglio della preparazione deve essere trascurato. La differenza tra un preparatore atletico di
successo o meno può essere data dalla continua formazione e dall’utilizzo delle più recenti innovazioni tecnologiche.

Nuove esigenze dell’atleta.
Sempre più spesso anche gli atleti si rendono conto che il programma di allenamento di un professionista non può limitarsi esclusivamente al condizionamento fisico e al gesto atletico perché prima o poi, il nostro organismo, oltre a perdere efficienza può reagire con l’insorgere di problemi fisici. Diventa importante integrare l’allenamento con un sistema mirato al fine di prevenire gli infortuni e dare maggiore efficienza a corpo e mente. Per questo mi sono reso conto dell’importanza di integrare all’allenamento dell’atleta la stimolazione propriocettiva combinata che si può ottenere unendo strumenti e tecnologia ad esercizi mirati.
L’allenamento propriocettivo ha il compito di stimolare le terminazioni nervose e i vari recettori che sono deputati al controllo di muscoli e delle articolazioni, fondamentali per la postura e per il
controllo del movimento durante il gesto atletico. I propriocettori possono essere allenati con esercizi mirati, in particolare, questi servono a sviluppare la capacità del nostro corpo di percepire la propria staticità ed il proprio movimento ed a passare dall’uno all’altro stato restando in equilibrio.

Prestazione e percezione.
L’allenamento propriocettivo è una pratica basata sulla stimolazione del sistema neuro-motorio nella sua totalità.
Si compone di un insieme di esercizi che vanno a creare situazioni di instabilità, allo scopo di valutare e migliorare l’utilizzazione dei segnali provenienti dalle parti periferiche del corpo in particolare dagli arti inferiori e inviati al sistema nervoso centrale ma anche viceversa, ossia l’elaborazione e l’invio da parte del sistema nervoso centrale dei comandi corretti.
Obiettivo primario di questa forma di allenamento è quello di rieducare i riflessi propriocettivi, al fine di ottenere nuovamente un ottimale controllo della postura e delle articolazioni interessate.
Per questi motivi occorre fare un lavoro di qualità e non di quantità con le più innovative tecnologie disponibili da abbinare alle tecniche di preparazione atletica.

Il supporto Hi-Tech.
Ho trovato un grosso aiuto quando ho aggiunto agli esercizi mirati la nanotecnologia Taopatch®, dispositivi nati per migliorare la comunicazione tra sistema nervoso centrale e recettori
del movimento, ottenendo prestazioni sempre più efficienti, affinando gesti atletici non corretti e prevenendo possibili infortuni.

Recupero dai traumi Hi-Tech.
Nel caso di un trauma possono insorgere non solo lesioni fisiche ma l’organismo può perdere e/o diminuire la sua capacità di valutare bene le informazioni che arrivano dall’esterno, poiché i recettori inviano al sistema nervoso centrale sensazioni di qualità inferiore o discordanti tra loro.
Anche in questo caso integrando i protocolli di applicazione Taopatch® ad un programma di esercizi dedicati, riesco a velocizzare e completare il ripristino globale della funzionalità articolare.
Questa magnifica tecnologia permette a me, come professionista, di ampliare notevolmente le soluzioni che posso offrire e, agli atleti che seguo di raggiungere nuovi traguardi.

Impressioni degli atleti.
Gli agonisti sentono subito la differenza e a tal proposito ecco l’opinione di Alessandro Brancato, maratoneta: “Utilizzo i dispositivi Taopatch® e sono seguito da Francesco Lo Re da ottobre e da subito ho notato una deambulazione più fluida ed un miglior controllo del mio corpo nello spazio. La cosa che più mi ha stupito è la scomparsa di tanti dolori che credevo fossero dovuti al sovraccarico dei km percorsi, ma che alla fine si sono rivelati essere degli scompensi posturali. Con il passare dei giorni ho notato anche la scomparsa di tensioni muscolari al collo, polpacci e bicipite femorale e questo mi ha dato tanta serenità. Durante gli allenamenti, ho notato una esecuzione dei gesti atletici più armoniosi e con meno difficoltà nell’eseguire le
andature e la tecnica di corsa.
Ringrazio il dott.Francesco Lo Re per lo splendido lavoro svolto su di me e l’azienda Tao Technologies di Fabio Fontana che ha permesso così tanti benefici in così poco spazio!”

Preparare ed essere preparati.
L’atleta si allena tutti i giorni per migliorare se stesso, il preparatore di successo deve essere una guida che mette lo stesso impegno e dedizione nel suo lavoro per dare il massimo di se.

Francesco Lo Re

Articolo pubblireedazionale proposto da Fabio Fontana

Imprenditore, Amministratore Delegato
e Fondatore di Tao Technologies.
Contattaci per saperne di più a
proposito di Tao Technologies.
0423 1801195 – www.taopatch.com

You may also like

Autocertificazione sui vaccini: cosa fare entro il 10 luglio

Il ministro alla salute Giulia Grillo e il