La tua postura? Ecco perché non è così importante

La tua postura? Ecco perché non è così importante

- in Salute e Benessere, Ultime Notizie
118
0

Intervista al dottor Peter Lawrence

Il dottor Peter Lawrence è un esperto in Chiropratica che vanta più di 30 anni di esperienza e migliaia di pazienti aiutati. Nella sua carriera ha lavorato nel suo studio privato nel cuore di Manhattan prima di portare questa tecnica innovativa in Italia, in un primo momento a Reggio Emilia ed ore ad Upper Cervical Treviso, un centro d’eccellenza che garantisce un servizio all’avanguardia dedicato alla salute della persona. Abbiamo posto alcune domande al dottore per meglio comprendere il ruolo della postura nel quadro generale della salute della persona.

Dottore, qual è il ruolo della postura all’interno della salute complessiva della persona?

Potrebbe essere uno shock per molte persone, magari molti lo apprendono qui per la prima volta, ma… La postura in realtà non è così importante. Proprio così.

La maggior parte delle persone pensano che la postura sia frutto di una decisione conscia che permette ai muscoli spinali di essere volutamente in uno stato corretto o scorretto.

Per poter migliorare la cattiva postura, molte persone hanno la convinzione quindi di dover correggere innanzitutto la cattiva muscolatura, attraverso l’esecuzione di esercizi e allungamenti a volte noiosi e ripetitivi e che forse, il più delle volte, non vengono eseguiti a sufficienza per poter garantire una correzione definitiva.

Molti tra i nostri pazienti ci riportano spesso quanto comunicato loro in precedenti accertamenti, fermi nell’idea che il loro dolore cervicale o mal di schiena sia il risultato di una cattiva postura. Altri pazienti che proseguono a lungo con gli esercizi notano spesso solo minimi cambiamenti posturali e ancor meno variazioni nei disturbi che speravano di risolvere.

Quindi la cattiva postura non è causa di problemi di salute?

No, la cattiva postura è segnale di problemi di salute, non la causa degli stessi. Qualsiasi mio paziente vi dirà che presto un’attenzione maniacale alla loro postura. Dall’inclinazione della testa, allo sbilanciamento delle spalle, alla rotazione delle anche e alla lunghezza delle gambe. Svolgo una valutazione approfondita prima di ogni correzione, dopo ogni correzione e in ogni istante della cura. In ogni caso, non la valuto da un punto di vista muscolare, in realtà sto cercando qualcosa di molto più profondo.

La postura è una finestra sulla struttura della colonna vertebrale e il funzionamento del sistema nervoso. La postura mi dice molto riguardo la condizione del corpo da un punto di vista strutturale e neurologico. All’interno del cervello ci sono due parti, denominate tronco encefalico e cervelletto, responsabili di mantenere diritti e in asse colonna vertebrale e corpo.

Qual è il modo migliore per affrontare i problemi di postura?

Potremmo guardare il corpo umano provando a concentrarci su ogni muscolo per capire quali possano essere tesi e necessitino di essere distesi, o quali siano deboli e necessitino di essere rinforzati. Potremmo fare una marea di esercizi, 12 ripetizioni 3 volte al giorno, e notare quanto insopportabile sia tutto ciò, anche per il paziente più devoto.

…Oppure?

Quando comprendiamo che il cervello vuol stare in una postura forte e dritta, e che una disfunzione posturale è un sintomo di un problema cerebrale, allora possiamo rivolgere la nostra attenzione sul sistema nervoso.

Come influisce la postura sul cervello?

Nel momento in cui l’allineamento strutturale di testa e collo viene a mancare, accadono più cose:

  1. La circolazione sanguigna e il fluido cerebrospinale in uscita dal cervello rallentano.
  2. I legamenti che connettono la colonna vertebrale al midollo spinale si allungano e alterano il midollo.
  3. Esistono dei minuscoli fasci nervosi che abbracciano i muscoli e i legamenti della colonna vertebrale, i quali aiutano a comunicare al cervello dove si trova il corpo nello spazio. Quando la colonna vertebrale si muove, tali nervi iniziano a dare informazioni distorte al cervello, il quale deve indovinare di conseguenza dove si trova il corpo nello spazio.

Quando si uniscono questi 3 fattori sopraelencati, avrete un corpo che inizierà a ruotare, a curvarsi e a contorcersi. Questo segna il momento in cui inizia il processo di usura e lacerazione della colonna vertebrale, ed una lenta e graduale degenerazione.

In che modo quindi la correzione chiropratica neuro-strutturale aiuta la persona?

Nel mio studio notiamo dei notevoli cambiamenti nella struttura della colonna vertebrale delle persone, a seguito di un leggera correzione nella zona cervicale, come senza dubbio notiamo che la postura cambia nel corso della cura.

Ma ecco la verità, pochissime persone vengono nel nostro studio per vedere il cambiamento della loro struttura, perché in verità, a nessuno importa così tanto. Avere una postura migliore probabilmente non cambierà la vostra vita, e non vale la pena togliere ore alla tua giornata per esercitarla bene.

Esiste solo una ragione per cui la postura è importante. Si tratta di un possibile segnale di problema al tronco encefalico. Se soffri di un problema di salute e non riesci a trovare la giusta risposta, potrebbe essere il momento giusto per controllare la tua postura e vedere se un consulto con un Chiropratico Specialista Upper Cervical può essere il primo passo da fare.

Dr. Peter Lawrence

Specialista Upper Cervical, laureato
al New York Chiropractic College nel
1987 in Biologia. Dopo cinque anni di
specializzazioni e certificazioni, ottiene
il prestigioso riconoscimento KCUCS.
Con più di 30 anni di esperienza e
migliaia di pazienti aiutati, porta questa
tecnica innovativa in Italia
ad Upper Cervical Treviso.

You may also like

Oli essenziali per un caldo inverno

Buongiorno, dottoressa, andiamo incontro all’inverno e all’intimità delle