I segreti per un’abbronzatura bella e sana

I segreti per un’abbronzatura bella e sana

- in Salute e Benessere
456
0
Perfect paradise summer vacation happiness carefree happy woman relaxing sitting in sand enjoying tropical beach destination. Back view of bikini girl holding pink straw hat on Caribbean holiday.

Estate tempo di vacanze, weekend fuori porta e giornate all’aperto. Il sole ha sicuramente grandi effetti benefici sul nostro organismo, il suo calore ci ricarica e ci rende allegri, migliorando così il tono dell’umore, ma dobbiamo imparare a godere della luce solare nel modo corretto.

Esporsi al sole senza i giusti accorgimenti però può portare a seri danni alla pelle, troppo spesso ne trascuriamo protezione ed attenzioni. Ecco come godersi la bella stagione senza incorrere in spiacevoli inconvenienti.

La pelle è un organo di relazione, in quanto mette in contatto il nostro organismo con il mondo esterno. E’ un organo che ci protegge grazie alla sua particolare struttura, è infatti costituita da tre strati in comunicazione tra loro.
Lo strato più profondo è l’ipoderma, ricco di grasso, ha la funzione di proteggerci da traumi esterni e far da isolante, riducendo le perdite di calore. E’ formato da molteplici terminazioni nervose e di vasi sanguigni che lo rendono un tessuto attivo. E’ infatti il deposito di vitamina A ed estrogeni.

Il derma è il tessuto intermedio e rappresenta il tessuto connettivo ovvero il sostegno della pelle.

Lo strato più superficiale è l’epidermide, un sottile strato di cellule dello spessore di circa un millimetro. Anche se sottile è molto resistente ed è costituito da più strati sovrapposti di cellule specializzate.

Questi tre strati cellulari della cute concorrono a mantenere la pelle integra e sana.
Naturalmente dobbiamo avere cura di questo organo che è il nostro biglietto da visita per il mondo esterno. Le attenzioni basilari consistono nell’utilizzare i cosmetici affini al proprio tipo di pelle e all’età, solo così è possibile mantenerla bella e ritardarne l’invecchiamento.

L’utilizzo del cosmetico giusto non basta, non vanno trascurati infatti anche altri fattori fondamentali come l’alimentazione, la giusta protezione solare e il controllo puntuale delle macchie scure e dei nei che compaiono sulla pelle.

Perché è importante utilizzare la protezione solare? La fotoprotezione fa si che la pelle non subisca danni da parte di raggi UVA, UVB e infrarossi.

E’ fondamentale proteggere le pelli chiare, quelle che contengono poca melanina, e la pelle dei bambini, in cui la produzione di melanina è ridotta. Ma se è vero che questi sono i casi più sensibili è altrettanto vero che la protezione solare deve essere utilizzata in tutti i tipi di pelle, anche in quelli già abbronzati. Questo perché aiuta ad evitare la comparsa di rughe, macchie, perdita di elasticità e soprattutto scottature. Bisogna esporsi al sole sempre protetti e ricordare che ci si abbronza anche con le alte protezioni. La pelle al sole è esposta solitamente ai raggi UV, che si dividono in UVA e UVB.

I raggi UVB hanno un picco tra le ore 12 e le ore 16 della giornata, arrivano a colpire solo fino all’epidermide e causano effetti quali scottature ed eritemi nel breve termine e nei casi peggiori tumori cutanei nel lungo termine.

I raggi UVA rappresentano il 95% dei raggi solari e sono costanti nella giornata. Non vengono bloccati dalle nuvole. Questi raggi trapassano l’epidermide e arrivano agli strati più profondi, al derma e all’ipoderma. Qui gli effetti a breve termine sono delle fotodermatiti, allergie, eruzioni cutanee e pruriti, a lungo termine causano invecchiamento cutaneo, quindi perdita di elasticità, colorito giallo e rughe profonde e aumentano il rischio di tumori cutanei. Un effetto causato dall’esposizione solare spesso trascurato è quello della disidratazione, la sensazione della pelle che tira, in superficie può manifestarsi desquamazione, in profondità diminuzione della coesione tra le cellule e alterazione del film idrolipidico della barriera cutanea. I sintomi legati sono pizzicore, prurito, macchie, discromie cutanee, colorito spento, rughe e perdita di tonicità. E’ bene ricordare che per avere una protezione più sicura e un’abbronzatura prolungata negli adulti è possibile stimolare la melanogenesi, attraverso l’assunzione di integratori specifici come resveratrolo, licopene e il betacarotene che contrastano lo stress ossidativo e aumentano le difese cutanee.

Un ultimo importantissimo consiglio è quello di affidarsi ad un esperto nella scelta del solare più adatto alla propria pelle. Farmacia dei Colli a Conegliano (TV), specializzata in analisi della pelle e trattamenti viso è a vostra disposizione per consigliarvi il prodotto ideale e proporvi interessanti promozioni.

ACNE IN ESTATE COME FARE

Se per alcune patologie della pelle il sole e la bella stagione sono un vero toccasana come nel caso di eczemi e psoriasi. Per altre il sole è dannoso.

L’acne rosacea è una malattia cronica della pelle che porta ad arrossamento su guance, naso, mento e fronte, che a volte presenta anche gonfiori e pustole, il sole ne aumenta l’infiammazione. In questi casi è bene evitare di esporsi al sole e di utilizzare quotidianamente dei filtri solari adeguati.
Il sole è dannoso anche per pelli che soffrono di acne, umidità, afa estiva generano infatti delle occlusioni della ghiandola sebacea, con il risultato di una maggiore predisposizione all’insorgenza di follicolite, e di infezioni batteriche della pelle. Quando questa patologie è curata da terapie farmacologiche, queste devono essere sospese perché possono causare reazioni di fotosensibilità e fototossicità. Il consiglio è utilizzare dei detergenti antibatterici per la detersione quotidiana, una protezione solare adeguata al tipo di pelle e solo in autunno riprendere la tradizionale terapia farmacologica.

Michela Pesce

Farmacia dei Colli 

Via Molena, 19 – Conegliano (TV)

Telefono: 0438 403164 Mail: farmaciadeicolli@gmail.com

Pubbliredazionale

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

You may also like

L’Inquinamento elettromagnetico in camera da letto: non basta spegnere il cellulare

Intervista al dott. Fabio Fontana C.E.O. e Founder