Quali sono i problemi ortodontici dei bambini?

Quali sono i problemi ortodontici dei bambini?

- in Salute e Benessere
220
0
Featured Video Play Icon

L’argomento dei problemi ortodontici nei bambini è molto complesso e se ne potrebbe parlare per molte ore, ma in questa era fatta di velocità e immediatezza mi limiterò a darvi alcune indicazioni generali per definire in maniera più chiara la problematica.

La prima sintesi si può fare suddividendo i problemi ortodontici in:

  • Problemi di origine genetica;
  • Problemi di tipo funzionale.

Per dirla con un esempio, i problemi genetici sono le carte si ricevono all’inizio della partita, mentre i problemi funzionali sono le carte che vengono giocate nel corso della partita. In pratica i problemi funzionali sono rappresentati da come determinate funzioni, vedi la respirazione, la deglutizione, la postura della lingua, la masticazione, la fonazione e molte altre funzioni che si svolgono all’interno del cavo orale, influenzate dagli organi vicini, influenzano lo sviluppo delle arcate, l’allineamento dentale e la corretta masticazione.

A che età è consigliabile portare il bambino dall’ortodontista?

Secondo molte autorità in materia, l’età entro cui è opportuno eseguire il primo controllo ortodontico è entro i 4-5 anni. A questa età potrebbero essere già emerse condizioni che, se trattate subito, sono facilmente correggibili. Così facendo, si minimizzerà e nel migliore dei casi si eliminerà il problema, evitando dispendiosi e lunghi trattamenti in una seconda fase. Un classico esempio è quello della problematica del morso incrociato, in cui in genere il combaciamento delle due arcate dentali non è corretto da un lato perché il palato è stretto. Questo tipo di malocclusione richiede un intervento ortodontico precoce, che permetterà la ripresa di una crescita simmetrica dei mascellari evitando l’instaurarsi di una asimmetria ossea strutturale.

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

You may also like

Disturbi del sonno: perché il sonno interrotto è estenuante?

Ogni volta che c’è un’apnea notturna, il sonno