Intervista a Marcello Pamio, voce della libera informazione, Relatore al convegno Decreto Vaccini Informati prima di scegliere

Intervista a Marcello Pamio, voce della libera informazione, Relatore al convegno Decreto Vaccini Informati prima di scegliere

- in Bambini e Mamme
3132
0
  • Buongiorno Dr. Pamio, lei sappiamo che è già autore di libri cult come “Il lato oscuro del nuovo ordine mondiale” o “la fabbrica dei malati” ma è anche una delle voci più autorevoli della libera informazione. Che cos’è per Lei un’informazione libera al giorno d’oggi?

Buongiorno, beh è difficile rispondere ad una domanda come questa perché oggi l’informazione è completamente pilotata, manipolata e questo non solo da oggi ma da sempre perché è una delle strategie principe per quanto riguarda il controllo sociale prendere i mezzi di comunicazione di massa. Qualsiasi dittatura nella storia del mondo intero, la prima cosa che ha fatto è stata quella di prendere radio, tv e carta stampata quindi oggi non possiamo parlare di libertà di informazione, parliamo di mono-pensiero, parliamo di informazione pilotata. Questo perché l’informazione è fondamentale, lo dice il nome stesso…informare vuol dire fare forma, dare forma alle coscienze. Quindi l’obiettivo della presa dei mezzi di comunicazione di massa è quella di manipolare le coscienze.

  • Cosa sta succedendo in questo periodo per quanto riguarda la libertà di scelta in riferimento ad un tema delicato come quello dei vaccini?

Si sta manifestando la dittatura che è in atto, che c’è sempre stata e che adesso si è svelata per quello che è. Quando si dice che il Re è nudo, lo stiamo vedendo nelle ultime settimane. La dittatura ha tolto il velo e si è manifestata. Non c’ libertà in Italia, anche se ci riempiamo tutti la bocca piena di parole come democrazia, libertà oggi non c’è…perché se tu hai il cancro e vai in un ospedale pubblico pagato da noi contribuenti tu puoi farti solo la chemio o la radio, cioè quello che viene proposto dall’industria chimica e farmaceutica ma tu se volessi fare dell’altro non puoi, vieni lasciato e abbandonato a te stesso, quindi dov’è la libertà Nei vaccini la stessa identica cosa. Qui non c’è dibattito, non c’è confronto, abbiamo grandi esperti che parlano. Anche la medicina e scienza non sono democratiche, siamo alla follia pura. Questa è quindi la manifestazione di dittatura vera e propria. La vaccinazione uno dei tasselli perché non sarà di certo l’ultimo ma sarà uno dei passaggi fondamentali perché l’obbiettivo è quello di arrivare ben al di là delle vaccinazioni. Adesso stanno lavorando in questo settore colpendo gli essere più indifesi quali bambini. Nell’ambito vaccinale non esiste libertà perché se tu vuoi obbiettare come è giusto che sia da parte di un genitore, la responsabilità è genitoriale non è dello Stato, tu non puoi pena non puoi portare il bambino a scuola o addirittura ricevi una multa amministrativa.

  • Il 27 luglio scorso ha depositato un esposto nei confronti della ministra Lorenzin in riferimento al rischio di epidemie e conseguente pericolo per la salute. Cosa ci può dire in merito?

L’esposto non è intestato alla Lorenzin, l’esposto è una segnalazione che si fa in procura o dai carabinieri. Io ed un gruppo di genitori consapevoli, abbiamo depositato questo esposto dove abbiamo elencato tutti i dati delle falsità dichiarate dalla Ministra Lorenzin, e lo dico chiaramente perché ci sono tutte le motivazioni per dirlo senza paura di eventuali querele. Da Bruno Vespa ricordo e a Piazza Pulita, quindi due trasmissioni nazionali, la Ministra è arrivata a dire nel 2013 in Inghilterra ci sono stati 200 morti per morbillo, i giornalisti non hanno detto assolutamente nulla; questa è una notizia incredibile attualmente lei si riferiva a bambini. 200 morti nel 2013 e 270 nel 2014. Io, ma lo può fare anche chiunque, sono andato al Ministero della Salute Britannico e mi sono fatto consegnare i dati sulla mortalità da morbillo dal 1980 fino al 2014. In questi anni elencati dalla Ministra Lorenzin c’è stato un solo morto per complicanze da morbillo, quindi non si muore da morbillo ma per complicanze respiratorie ecc, ed il soggetto deceduto aveva 25 anni. Quindi non di certo bambino. Abbiamo una Ministra che continua a raccontare falsità. Ricordo che adesso che è passata la legge non si parla più di morbillo, fatto strano visto che fino a prima della conversione in legge, un giorno sì e l’altro anche, si continuava a dire “morti di morbillo di qua e morti di là” mentre adesso che è passata la legge a nessun interessa più e loro l’obbiettivo l’hanno raggiunto. Nessuno parla più di morbillo. Ricordo che qualche mese fa c’era stata l’epidemia inventata di meningite, sono tutte epidemie mediatiche che servono a determinati scopi. In ogni conferenza o congresso io ricordo Sars, Aviaria, Suina ecc tutte epidemie inventate per far passare determinate leggi. Adesso si arriva a far passare un decreto legge incostituzionale, primo perché votato da un Parlamento che è stato eletto con elezione incostituzionale secondo la consulta, quindi un Parlamento illegittimo e secondo hanno fatto passare un decreto legge che per statuto deve essere fatto in situazioni di emergenza. Non potevano fare una legge perché serviva farla in pochissimo tempo e così hanno inventato l’epidemia di morbillo per far passare un decreto legge. Quindi hanno inventato un’epidemia per far passare e convertire un decreto legge perché serve un’urgenza sanitaria che in questo caso non c’è. Siamo a questi livelli, noi abbiamo depositato questo esposto nella speranza che qualche procuratore di Roma (siamo molto illusi però ci crediamo) o qualche magistrato vada avanti con le indagini. Abbiamo portato tutti i dati che non vengono mostrati in tv sull’epidemia di morbillo, dati sulla pertosse…un documento di 70 pagine con dati ufficiali quindi staremo a vedere se qualcuno avrà il coraggio di andare avanti con le indagini.

  • Lei ha detto che l’esposto lo ha consegnato con un gruppo di genitori informati. Quindi dice che la maggior parte dei genitori non sono realmente informati su quello che sta succedendo?

No, la maggior parte dei genitori non è assolutamente informata ed è nell’ignoranza più totale. Ignoranza non è una brutta parola, ignorare vuol dire non conoscere perché si fida di ciò che dicono i mezzi di comunicazione di massa che ripeto, propagandano il mono-pensiero, quello che viene dettato dai vertici. Ripeto l’esempio plateale è quello di una Ministra che va in tv, Ministra che dovrebbe rappresentare il Popolo Italiano, e racconta falsità. Queste sono le informazioni che ricevono la maggior parte delle persone che si informano esclusivamente con la televisione. Oggi sfortunatamente l’informazione è completamente pilotata; accedi la radio senti parlare della bontà dei vaccini, dell’emergenza morti per morbillo…poi ti vai ad informare, scopri che il morbillo non esiste se non in casi sporadici che riguardano sempre adulti ed adolescenti quindi non minori e poi allora ti viene qualche dubbio. In che mondo siamo? Nel mondo dell’informazione manipolata. La maggior parte dei genitori è assolutamente disinformata e quindi non può fare una libera scelta. L’informazione è fondamentale perché se non ho informazione non posso intraprendere un percorso libero, sono in una qualche maniera manipolato. Le persone pensano di essere libere…ma se l’informazione è deviata, non è corretta, io prendo una decisione ma non è una decisione libera perché a monte sono stato manipolato.

  • Lei parteciperà come relatore al convegno Decreto Vaccini che si terrà a Treviso. Perché i genitori dovrebbero venire a questo convegno? I relatori che input potranno dare alla platea?

L’input di quell’informazione che accendendo la tv e la radio non si sente. Quell’informazione che va a completare il quadro. Perché sono fermamente convinto che se prendessimo 100 genitori a random (purtroppo il 90% è completamente suggestionato da quello che viene detto in tv perché vede soltanto quello che loro vogliono far vedere) e gli facessimo ricevere un’informazione che normalmente in tv o radio non arriva, beh spero che ognuna di queste con il proprio cervello ragionasse e dicesse “ok, questo mi suona, questo invece no”. È per questo che il convegno è importante, perché si viene a sentire tutti quei ricercatori, medici e non solo che in tv e radio non vanno e che completano il quadro informativo. Un genitore che partecipa, che sia esso pro vaccini o meno, avrà la possibilità di ricevere informazioni mancanti in modo tale da essere in grado di ragionare con la propria testa. Qui non diciamo No ai Vaccini, stiamo dicendo No ad un’obbligatorietà che è bene diverso perché qui di mezzo c’è la libertà. Dopo se un genitore è convinto, si informa e per sicurezza vuole fare i vaccini è giusto che sia libero d farli e viceversa, se ci sono genitori che prendono informazioni e decidono di aspettare a fare i vaccini devono venire rispettati anche loro.

 

Dr. Marcello Pamio |  Operatore shiatsu e studente “perenne” di MTC, Medicina Tradizionale Cinese, da numerosi anni si occupa di tutte le cosiddette “medicine non convenzionali” con particolare attenzione ai sistemi terapeutici “dimenticati”, e a quelli boicottati dall’establisment medico.

Conduce la rubrica Disinformazione On Air, in diretta tutti i lunedì dalle 09:30 alle 10:00.
E’ una delle voci più autorevoli della libera informazione. Già autore di libri cult come “Il lato oscuro del nuovo ordine mondiale” , “Cancro S.p.a” e “La fabbrica dei malati”.

Da anni si occupa di tutte le cosiddette “medicine non convenzionali” con particolare attenzione ai sistemi terapeutici “dimenticati”, e a quelli boicottati dall’establishment medico. Dal 1999 gestisce in internet il sito www.disinformazione.it, una “finestra virtuale” attraverso la quale è possibile accedere a quelle informazioni che normalmente non trovano spazio, o vengono filtrate dai media. E’ per questo che mai come oggi vale il detto: “La salute è essenzialmente informazione!”.

You may also like

DALL’ITALIA UNA NUOVA RISPOSTA ALLA SCLEROSI MULTIPLA

La ricerca attraverso la nanotecnologia Taopatch® applicata a